Tende da sole, quali scegliere e come usufruire delle detrazioni

tende da sole

Le tende da sole per balconi, terrazze e giardini sono la soluzione perfetta per ripararsi dal calore e dalla luce eccessiva durante l’estate, arredando in maniera armonica gli spazi esterni della vostra abitazione e creando piccole oasi di pace e frescura dove rilassarsi nel tempo libero.

Esistono infiniti tipi di tende da sole, per forma, colore e dimensioni, capaci di arredare con stile ed eleganza dal giardino più ampio al terrazzino più minuscolo. Vediamo quali sono le tipologie di tende da sole e come scegliere quella adatta alle vostre esigenze.

Tende da sole a bracci
È la tipologia di tende più utilizzata per coprire i balconi condominiali. È composta da due bracci estensibili agganciati ad una barra superiore, normalmente fissata al muro, su cui è posizionato il rullo con la tenda arrotolata. Il telo si svolge a sbalzo mano a mano che i due bracci laterali si aprono tramite un meccanismo manuale o motorizzato. Sulla versione motorizzata della tenda è anche possibile applicare un anemometro che, in caso di forte vento, ne comandi la chiusura automatica per evitare strappi del tessuto o danneggiamenti alla struttura.

È una tenda che garantisce un’ottima copertura del balcone ma che lo ripara solo nella parte superiore e non lateralmente. Per ovviare a questo problema e ottenere maggiore ombreggiatura e privacy potrete posizionare sul vostro balcone delle belle fioriere dotate di graticci in legno su cui far correre qualche bella pianta rampicante, verde o fiorita, secondo la vostra preferenza, come per esempio gelsomino, vite americana, rosa rampicante, passiflora o glicine. Se scegliete una pianta fiorita avrete anche un balcone colorato e profumato che vi metterà sempre di buon umore e vi darà l’impressione di trovarvi in vero giardino invece che su un terrazzino all’ultimo piano di un condominio.

Tende da sole a caduta
Questo tipo di tende può essere utilizzato sia per i balconi che per le finestre.
Si tratta di una copertura avvolta su un rullo che scende in verticale, parallelamente alla finestra o alla facciata della casa e che garantisce una protezione dal sole sia frontale che laterale. È perfetta per chiudere un balcone perfettamente in colonna con altri balconi condominiali della stessa dimensione oppure per schermare una veranda o le finestre esposte a lungo al sole e mantenere così più fresco e ombreggiato l’interno della casa.
Oltre alla versione della tenda che scende completamente parallela alla facciata ne esistono altre due, altrettanto comode e funzionali: la prima che si srotola leggermente inclinata, grazie ad un telaio dotato di due piccoli bracci che la rendono molto simile ad una tapparella cosiddetta a sporgere. Le seconda versione invece, prevede che il tratto di telo più in alto rimanga parallelo al muro o alla finestra, mentre la metà inferiore esca a sbalzo per proteggere meglio un eventuale balcone o lasciar filtrare un po’ più di luce da una finestra. La scelta fra le tre dipende dal luogo dove dovete posizionarla (finestra, balcone, terrazza, ecc.) e dal tipo di protezione dai raggi solari che desiderate ottenere. In caso di dubbi lasciatevi consigliare dall’installatore che saprà fornirvi la giusta soluzione per ottenere il risultato ottimale.

Tende da sole a capottina
È il tipo di tenda più simpatico e sbarazzino, capace di arredare allegramente, ma con stile, una singola finestra, un terrazzino e anche un’intera facciata condominiale. È la più utilizzata negli edifici storici perchè, con la sua forma inconfondibile, si abbina meglio a questo tipo di strutture rendendole più funzionali ma sempre esteticamente gradevoli senza appesantirle o stravolgerne l’essenza. Ed è la soluzione ideale anche per riparare dal sole le vetrine dei negozi.

Ha una forma bombata, più o meno tondeggiante, con il telo posizionato su una struttura ad arco che si apre e si chiude grazie ad un meccanismo a fune. Garantisce una protezione completa dai raggi del sole nella parte superiore e una copertura parziale lateralmente.

Tende da sole ad attico o a guide laterali
Questa tipologia di tende da sole è la più indicata per coprire aree di grandi dimensioni, quindi ampi balconiterrazzelastrici solari e anche giardini.

Ha una struttura fissa in metallo composta da guide laterali su cui scorre la tenda: la struttura da un lato viene agganciata al muro del casa, quindi forma un arco che scende fino a terra. Il telo della tenda scorre sulle guide laterali della struttura e può essere srotolato completamente oppure in tutte le posizioni intermedie in base alla stagione e all’intensità del sole, garantendo di volta in volta il tipo di copertura che desiderate.

Tende da sole a pergolato
È un tipo di tenda da sole da riservare esclusivamente a terrazze molto ampie o a giardini, laddove ci sia lo spazio per ospitare una struttura fissa completamente autonoma con travi in legno o metallo, ancorata a terra. I teli della tenda da sole scorrono sulla parte superiore della pergola passando fra le travi oppure aprendosi e chiudendosi a pacchetto. E’ una soluzione che permette di ombreggiare completamente il terrazzo o una parte del giardino realizzando al di sotto una zona conversazione/relax con sdraio, divanetti e tavolini bassi adatti all’arredamento di esterni oppure una zona pranzo con tavolo e sedie dove organizzare momenti conviviali come brunch o aperitivi da condividere con amici e parenti durante la stagione estiva. La copertura della pergola verrà aperta o chiusa, anche parzialmente, a seconda della stagione, della posizione del sole e dell’estensione dell’area che si desidera ombreggiare.

Come scegliere il modello giusto di tende da sole
Se abitate in una casa o villetta singola di vostra esclusiva proprietà potrete scegliere le tende da sole che desiderate per forma, dimensione e colore. Ed è anche molto probabile che abbiate bisogno di strutture realizzate su misura per la vostra abitazione.

Per quanto riguarda il colore non avrete che l’imbarazzo della scelta: le tende da sole vengono prodotto in una gamma di sfumature davvero infinita, dai toni neutri del bianco e del beige (più impegnativi a livello di pulizia e manutenzione), al classico verde o marrone ormai entrati nella tradizione, a colori decisamente più vivaci come giallo, arancio e turchese, per dare una nota di brio alla vostra casa. Si trovano anche numerosi tessuti con rigature di due colori alternati, normalmente tono su tono, che creano un effetto ottico colorato e divertente. Non avrete che l’imbarazzo della scelta.

Se invece abitate in un condominio il discorso è decisamente diverso. Normalmente, per questioni pratiche, estetiche e di uniformità della facciata, ogni assemblea condominiale delibera la tipologia di tende installabili dai singoli condomini (a bracci, a caduta, a cappottina, ecc) e, soprattutto il colore (che potrà essere sia tinta unita che una rigatura più o meno marcata) che meglio si uniforma con i colori preesistenti di facciata, ringhiere dei balconi, infissi e tapparelle. Ogni condomino sarà tenuto a rispettare le indicazioni dell’assemblea per non rischiare che gli venga chiesto di rimuovere la tenda da sole non conforme a quanto deliberato.
Se non disponete della delibera condominiale perchè magari avete appena acquistato il vostro appartamento, informatevi presso l’amministratore prima di rischiare di scegliere il prodotto sbagliato.
Quando si sceglie la tenda è bene puntare su materiali di ottima qualità, sia per quanto riguarda la struttura che il tessuto, perchè dovranno resistere entrambi per anni esposti oltre che al sole dell’estate, anche al freddo ed alle intemperie invernali.
Potete anche scegliere tende che si possano smontare e riporre al coperto durante il periodo di non utilizzo: accertatevi, in questo caso, che lo smontaggio ed il rimontaggio siano operazioni facili e veloci, altrimenti rischiate, dopo la prima volta, di non volerlo fare più perchè troppo faticoso o complicato.
Esiste anche la possibilità di installare tende da sole dotate di autonomo cassonetto dove il telo verrà contenuto, completamente avvolto sul rullo, al riparo da pioggia e gelo durante tutto l’inverno. È questa la soluzione più pratica che permetterà alla vostre tende da sole di durare più a lungo senza bisogno di particolari manutenzioni ma, sicuramente, costerà un po’ di più.

Le agevolazioni fiscali previste per l’acquisto di tende da sole
La spesa per l’acquisto delle tende da sole, soprattutto se la vostra abitazione dispone di numerose finestre oppure di un balcone o una terrazza molto grande potrebbe risultare davvero parecchio onerosa.
Sappiate comunque che c’è una soluzione semplicissima che vi permetterà di dimezzare il costo di acquisto e installazione a vostro carico.

La legge approvata il 27 dicembre 2006, n. 296 (Finanziaria 2007), e prorogata anche per tutti gli anni successivi con con la finalità di incentivare gli interventi riguardanti la riqualificazione energetica degli edifici, prevede la possibilità di portare in detrazione il 50% della spesa sostenuta per l’acquisto di schermature solari. Questo perchè le tende da sole sono state ritenute una soluzione efficace per limitare il surriscaldamento degli ambienti e ridurre di conseguenza la necessità di utilizzare il condizionatore per regolare la temperatura all’interno di abitazioni e negozi.

Possono usufruire della detrazione fiscale i proprietari dell’immobile o i suoi familiari conviventi fino al terzo grado, i condomini (per gli interventi sulle parti comuni del condominio), gli inquilini e chi detiene l’immobile in comodato d’uso.

Non è necessario fare alcuna comunicazione preventiva, bisogna solo procedere all’invio telematico della richiesta di detrazione tramite il portale dell’Enea a questo indirizzo http://www.acs.enea.it/invio/ entro 90 giorni dall’avvenuta installazione delle tende da sole.

L’importo riconosciuto detraibile dovrà poi essere ripartito in dieci rate di uguale ammontare, che verranno portate in detrazione in altrettanti anni inserendole una alla volta nella dichiarazione dei redditi. Anche se dilazionato nel tempo è un bel risparmio da non sottovalutare.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *