condizionator1

condizionator1

Con l’arrivo dell’estate si torna a parlare di condizionatori. Come pulire e utilizzare in modo sicuro questi dispositivi ai tempi del Covid-19? Ecco di seguito alcune linee guida per la corretta gestione dei climatizzatori in questo periodo.

Condizionatori: aumentare le distanze di sicurezza

Secondo un recente studio, l’uso dei condizionatori a seguito dell’emergenza sanitaria Covid-19 richiederebbe qualche accortezza in più del normale.

I getti d’aria aumenterebbero il raggio d’azione delle particelle in questione e difatti la normale distanza di sicurezza dovrebbe essere aumentata, per non correre il rischio di essere infettati.

Come regolarsi, quindi?

In aiuto arriva SIMA, Società Italiana di Medicina Ambientale, che oltre a suggerire di puntare principalmente su condizionatori con flusso in entrata e in uscita, ha messo a punto un interessante vademecum sulla gestione corretta di questi impianti nella massima sicurezza, sia in casa sia in ufficio.

Le best practices da rispettare

La prima cosa da fare è lavare con e acqua e sapone i filtri degli split, pulendo accuratamente con un igienizzante le parti esposte, lasciando asciugare tutto l’impianto in modo graduale. Successivamente si dovrà passare ai motori esterni, che andranno sanificati periodicamente, meglio se da tecnici specializzati in questo tipo di mansioni.

Bisogna fare poi molta attenzione al ricambio d’aria più volte al giorno, in modo da ridurre l’inquinamento interno e rendere più salubre l’ambiente.

Importante anche il filtraggio dell’aria esterna in entrata, utilizzando sistemi di ventilazione meccanica controllata per ottenere il massimo della purificazione in tutta sicurezza.

Necessario è evitare il flusso diretto sulle persone, meglio infatti direzionarlo verso l’alto.

Fondamentale anche mantenere un tasso di umidità interno controllato che nella stagione estiva si aggira tra il 50% e il 70%, mentre in quella invernale tra il 40% e il 60%.

 

Fonte: Immobiliare.it

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *